I donatori del GOP affrontano il dilemma mentre DeSantis abbandona

Il tentativo di scegliere qualcuno che non fosse Donald Trump come candidato presidenziale repubblicano ha subito un altro duro colpo, come previsto, domenica quando Ron DeSantis ha abbandonato la corsa e ha appoggiato l’ex presidente. (Anche altri ex aspiranti, tra cui Vivek Ramaswamy e Tim Scott, hanno appoggiato Trump.)

I fedeli repubblicani si stanno coalizzando attorno a Trump in un modo che solleva interrogativi sulla prossima mossa dei ricchi donatori che hanno cercato di fermarlo.

Nikki Haley è ora l’unico potenziale ostacolo alla nomina di Trump. DeSantis è entrato in corsa come l’avversario più temibile dell’ex presidente, ma la sua campagna piena di passi falsi non si è mai trasformata in una seria minaccia. Tra i suoi errori strategici c’era quello di scommettere che le lotte “anti-risveglio”, inclusa la sua battaglia contro la Disney, avrebbero avuto risonanza tra gli elettori. (Politico riferisce che un importante raccoglitore di fondi di DeSantis aveva proposto un modo legalmente non testato per far sì che la campagna rimanesse a galla, ma il governatore della Florida alla fine cedette alla realtà elettorale.)

Haley ha abbracciato il suo status di ultimo candidato anti-Trump in piedi: “Che vinca la donna migliore”, ha detto domenica. Ma i sondaggi la collocano a circa 15 punti percentuali dietro Trump nel New Hampshire, mentre gli elettori si recheranno alle urne domani.

È un segno che l’influenza dei grandi donatori è limitata. Il fondo di guerra di DeSantis era finanziato in gran parte da benefattori dalle tasche profonde. E negli ultimi mesi, Haley ha ottenuto il sostegno di un gruppo bipartisan di magnati anti-Trump, tra cui il miliardario degli hedge fund Stanley Druckenmiller e l’investitore democratico e fondatore di LinkedIn Reid Hoffman. (Jamie Dimon di JPMorgan Chase ha pubblicamente esortato persone di ogni orientamento politico a sostenere Haley.)

Ma come nota Ken Vogel del Times, conquistare la classe danarosa non ha garantito successo elettorale per anni. Basta chiedere a Jeb Bush.

Cosa faranno questi donatori anti-Trump? Alcuni continuano a sostenere Haley: diversi titani di Wall Street, tra cui Druckenmiller e Henry Kravis, ospiteranno una raccolta fondi per lei il 30 gennaio, una settimana dopo le primarie repubblicane e democratiche del New Hampshire. E Americans for Prosperity, un super PAC sostenuto dall’impero economico Koch, ha detto che continuerà a sostenere Haley almeno fino al Super Tuesday all’inizio di marzo.

Ma se Haley perde gravemente nel New Hampshire, per quanto tempo i leader aziendali abituati al successo rimarranno fedeli a una scommessa fallita? Ken Langone, co-fondatore di Home Depot e uno dei suoi sostenitori, ha recentemente dichiarato che vuole vedere come si comporterà domani prima di donare più soldi.

  • Passando ad altre notizie sulle elezioni: l’anno scorso il massimo gruppo politico esterno che sostiene il presidente Biden ha raccolto 208 milioni di dollari. E il segretario al Tesoro Janet Yellen si recherà nel Midwest questa settimana per pubblicizzare i risultati economici di Biden mentre i dati diventano sempre più positivi.

La guerra a Gaza colpisce l’economia del Medio Oriente. Dopo tre mesi, il conflitto è costato a Egitto, Libano e Giordania più di 10 miliardi di dollari in perdite economiche e rischia di spingere 230.000 persone nella povertà. Nel frattempo, il sostegno internazionale a Israele si sta indebolendo mentre le vittime a Gaza aumentano e gli attacchi dei ribelli Houthi alle navi commerciali nel Mar Rosso stanno facendo aumentare i costi di spedizione.

Exxon Mobil fa causa agli investitori climatici per fermare una lotta per procura. Il colosso dei combustibili fossili ha chiesto a un tribunale federale del Texas di respingere una proposta di Follow This e Arjuna Capital che chiede di accelerare gli sforzi della società per ridurre i gas serra. Una decisione potrebbe chiarire le linee guida della SEC su quali proposte degli azionisti possono essere sottoposte al voto degli azionisti della società.

Un altro modello Boeing è sottoposto al controllo normativo. Domenica la FAA ha affermato che le compagnie aeree dovrebbero ispezionare i tappi delle porte degli aerei Boeing 737-900ER “come ulteriore livello di sicurezza”. La fiducia nell’ingegneria e nel controllo di qualità di Boeing è crollata dopo che centinaia di Boeing 737 Max 9 sono rimasti a terra a seguito dello strappo di un pannello della porta di un jet dell’Alaska Airlines in volo.

Lunedì i futures S&P 500 sono di nuovo in rialzo. Dopo aver raggiunto un record venerdì, l’indice di riferimento sembra destinato ad estendere tali guadagni. Il rally della scorsa settimana è stato guidato dalle scommesse degli investitori sui tagli dei tassi di interesse e dal boom dell’intelligenza artificiale che ha sostenuto i titoli tecnologici.

Macy’s ha rifiutato un’offerta pubblica di acquisto da 5,8 miliardi di dollari da parte delle società di investimento Arkhouse Management e Brigade Capital che valutavano la catena di grandi magazzini in difficoltà a circa il 20% al di sopra del prezzo di chiusura delle azioni di venerdì.

Il gruppo di investitori minaccia ora di portare l’offerta agli azionisti. Con una potenziale offerta ostile incombente, ecco le domande di DealBook su ciò che potrebbe accadere dopo.

Come potrebbero Arkhouse e Brigade portare a termine un accordo? Il consiglio di amministrazione di Macy’s ha espresso dubbi sul finanziamento delle società di investimento quando ha respinto la proposta domenica. La società ha affermato che le aziende hanno proposto di pagare il 25% dell’offerta in azioni. Il resto deriverebbe molto probabilmente da debiti come i prestiti a leva, il cui mercato è stato ristretto grazie in parte agli alti tassi di interesse.

Il rifiuto potrebbe aprire la porta ad altre offerte? L’offerta di Arkhouse per il 2021 per il Columbia Property Trust ha portato un altro acquirente a entrare in scena. Macy’s non ha contattato i potenziali acquirenti, dicono a DealBook persone che hanno familiarità con la questione. Ma il rivenditore ha indicato in una dichiarazione che sarebbe “aperto a opportunità che siano nel migliore interesse dell’azienda e di tutti i nostri azionisti”.

L’elenco dei potenziali pretendenti è breve, date le sfide che deve affrontare il settore della vendita al dettaglio e i ricordi sconvolgenti delle acquisizioni andate male come con Sears.

Qual è il piano di risanamento di Macy? Le azioni del rivenditore sono scese di circa il 30% negli ultimi cinque anni, poiché la società ha perso una significativa quota di mercato, costringendola a chiudere negozi e licenziare personale, incluso l’annuncio della scorsa settimana che avrebbe tagliato 2.350 posti di lavoro.

Tutti gli occhi sono puntati su Tony Spring, che assumerà la carica di amministratore delegato il mese prossimo dopo aver guidato Bloomingdale’s, il marchio di fascia alta molto più sano di Macy’s. Ma duplicare questo tipo di successo potrebbe essere difficile, data la base di negozi ampia e poco performante di Macy’s e i diversi dati demografici degli acquirenti.


Quest’anno i CEO del settore tecnologico sono più ottimisti sull’economia, in particolare sul potenziale dell’intelligenza artificiale e del mercato IPO. Ma restano anche cauti sul fatto che le tensioni geopolitiche potrebbero interrompere il commercio e aumentare i venti contrari nei mercati dei capitali, mostra l’ultima indagine annuale di SoftBank sulle società in portafoglio.

DealBook ha dato un primo sguardo esclusivo al rapporto, che include start-up sostenute dai due Vision Funds di SoftBank e dal suo fondo per l’America Latina.

La speranza sta tornando dopo due anni tristi. Quasi la metà dei CEO intervistati si è detta più ottimista riguardo all’economia rispetto a un anno fa e prevedeva di raccogliere capitali quest’anno.

Il miglioramento del sentiment parte da un livello basso, ha avvertito Alex Clavel, co-CEO di SoftBank Investment Advisers, che gestisce i fondi. L’anno scorso è stato un postumi della sbornia del 2022, quando “i rubinetti della raccolta fondi furono chiusi”, ha detto. Non si sono concretizzate le speranze che le IPO alla fine del 2023 – inclusa quella di Arm sostenuta da SoftBank – avrebbero portato a un flusso di nuove quotazioni, ma il 37% dei CEO ha affermato che le quotazioni pubbliche sarebbero riprese nella seconda metà del 2024.

L’entusiasmo per l’IA è alto, anche se non è chiaro come verrà implementato. “C’è la sensazione crescente che il 2024 sarà l’anno in cui passeremo dall’entusiasmo all’impatto dell’IA”, ha affermato Clavel. Un terzo dei CEO ha affermato di aver aumentato gli investimenti nell’intelligenza artificiale del 50% lo scorso anno e di utilizzarli per realizzare prodotti a costi più bassi o per migliorare l’efficienza.

Ma alcuni stanno procedendo con cautela. Clavel ha affermato che un’azienda ha utilizzato l’intelligenza artificiale per ridurre significativamente i costi, ma sta ritardando ulteriori cambiamenti “perché sarebbe troppo inquietante” per la forza lavoro.

Gli amministratori delegati hanno affermato che le tensioni con la Cina rappresentano il principale rischio geopolitico. Tuttavia, quell’ostacolo non ha ancora influenzato in modo significativo le loro attività. La preoccupazione più grande per il 2024: che un’instabilità più ampia, inclusa la guerra in Medio Oriente, possa indebolire l’interesse degli investitori nelle IPO o aumentare i costi energetici in Europa.


Larry Summers, l’ex segretario al Tesoro ed ex presidente di Harvard, dopo che venerdì l’università ha annunciato una nuova task force antisemitismo. Il comitato sarà co-presieduto da Derek Penslar, un professore di storia ebraica che Summers ha definito “inadatto” per il ruolo, in parte a causa della sua posizione sulla portata del problema dell’antisemitismo nella scuola.


All’ordine del giorno questa settimana: utili, inflazione e decisioni delle banche centrali.

Domani: Netflix, Procter & Gamble, Johnson & Johnson e Lockheed Martin pubblicano i risultati trimestrali. Inoltre, si prevede che la Banca del Giappone manterrà la sua politica monetaria ultra-espansiva; i mercati prevedono che il paese uscirà dal regime di tassi negativi già a marzo.

Altrove, i candidati agli Academy Awards verranno annunciati.

Mercoledì: Il produttore olandese di apparecchiature per chip ASML, Tesla e AT&T riportano utili.

Giovedì: È il giorno delle decisioni per la Banca Centrale Europea, che dovrebbe mantenere stabili i tassi di interesse. Dall’altra parte dell’Atlantico, il PIL statunitense del quarto trimestre sarà presto pubblicato.

Per quanto riguarda gli utili, LVMH, Intel, Visa e una serie di compagnie aeree tra cui American, Southwest e Alaska Air Group dovrebbero riferire.

Venerdì: Verrà pubblicato il rapporto sulle spese per consumi personali, l’indicatore di inflazione preferito dalla Fed.

Offerte

  • Sony ha concluso un accordo da 10 miliardi di dollari per unire le sue attività indiane con Zee Entertainment, una società di media con sede a Mumbai. (Reuters)

  • Macquarie, la grande società di investimento australiana, ha raccolto 8 miliardi di euro (8,7 miliardi di dollari) per il suo ultimo fondo europeo per le infrastrutture. (FT)

  • Cosa significherà per l’attività di finanziamento dei governi statali e locali l’uscita di Citigroup dal mercato da 4mila miliardi di dollari delle obbligazioni municipali, un campo che un tempo dominava. (WSJ)

Intelligenza artificiale

  • Eleven Labs, una start-up specializzata nella clonazione vocale dell’intelligenza artificiale, ha raccolto 80 milioni di dollari in nuovi fondi da investitori guidati da Andreessen Horowitz per una valutazione di oltre 1 miliardo di dollari. (Bloomberg)

  • Come il Giappone si sta rivolgendo ad avatar, robot e intelligenza artificiale per affrontare la crisi del lavoro. (FT)

Meglio del resto

  • “’L’America è sotto attacco’: all’interno della crociata anti-DEI” (NYT)

  • I produttori di abbigliamento americani stanno spingendo per cambiare una regola commerciale che di fatto consente ai produttori stranieri di spedire direttamente ai consumatori statunitensi senza pagare tariffe. (NYT)

  • La casa automobilistica cinese BYD si sta lanciando in un segmento esclusivo con un veicolo elettrico in stile Lamborghini per intensificare la sua lotta con Tesla. (WSJ)

Ci piacerebbe il tuo feedback! Si prega di inviare pensieri e suggerimenti via e-mail a dealbook@nytimes.com.